Paletti in materiale riciclato

  • Paletti in materiale riciclato particolarmente resistenti
  • Stabili anche in terreni morbidi grazie ad una profondità d'innesto di 60 cm
  • Ideali per l'uso durante tutto l'anno e adatti a recinzioni da festival
  • Lavorazioni (avvitamento, segatura, foratura o chiodatura) possibili

Cos'è un paletto in materiale riciclato?

I paletti in materiale riciclato sono generalmente prodotti utilizzando plastica riciclata. Questo materiale permette di produrre paletti particolarmente robusti e durevoli.

Per questo motivo vengono maggiormente utilizzati per la relizzazione di recinzioni fisse che rimangono in piedi tutto l'anno e non vengono rimosse durante l'inverno.

Grazie alla loro struttura leggera e alla facilità di lavorazione (avvitamento, segatura, foratura o chiodatura), questi pali sono ideali anche come pali di linea.

In quali situazioni si consiglia l'uso di paletti in materiale riciclato?

Quando il terreno è molto soffice: I pali riciclati sono di solito conficcati a 60 cm di profondità nel terreno e forniscono la necessaria stabilità anche in terreni soffici. Grazie al materiale non deteriorabile ed insensibile alle acque sotterranee, un ancoraggio profondo è possibile senza problemi. Il palo della recinzione non può degragarsi nel sottosuolo o contaminare le acque sotterranee.

Quando è necessario apportare delle modifiche: Se volete accorciare i vostri pali di recinzione o attaccare ad essi determinate attrezzature, un palo in materiale riciclato è l'ideale. Il materiale plastico può essere facilmente adattato alle vostre esigenze. Poiché il materiale non si scheggia anche se rotto, il rischio di lesioni durante la lavorazione è minimo.

Quando si ricerca una lunga durata: I pali in materiale riciclato non sono deteriorabili  e sono molto resistenti agli oli, agli acidi, alle basi o ad altri liquidi "aggressivi". Ecco perché si posizionano come ottima alternativa ai convenzionali pali di legno.

Accessori per paletti in materiale riciclato

Connettori: A seconda del materiale conduttivo è necessario utilizzare dei connettori specifici per collegare tra loro le sezioni di recinzione.

Accessori per la messa a terra: la messa a terra è un meccanismo di sicurezza che scarica a terra la tensione in eccesso in caso di emergenza.

Isolatori per recinti elettrici:  Per evitare cadute di tensione indesiderate nella recinzione elettrica, tutti i pali di riciclaggio devono essere dotati di isolatori.

Materiali conduttivi:  Affinché la recinzione dei pascoli sia elettrificata, tra i singoli paletti devono essere agganciati i seguenti elementi (fili, funi, nastri o trefoli) per permettere la messa in tensione del recinto elettrico.

Recinzione elettrificata a 230V: Se si ha accesso ad una presa di corrente, un elettrificatore da 230V è la scelta migliore per l'alimentazione elettrica della vostra recinzione dei pascoli.

Recinzione elettrificata a batteria da 12V:  Se non si ha accesso ad una presa di corrente, un elettrificatore a batteria da 12V garantisce la potenza sufficiente per la vostra recinzione elettrica.

I vostri vantaggi nel negozio Agrarzone

Consegna gratuita a partire da 199 Euro di valore dell'ordine. Valido per tutte le consegne in Italia isole escluse. Maggiori informazioni sulle spese di spedizione disponibili qui.

Nessun rischio grazie alla garanzia di rimborso a 30 giorni: Se l'articolo acquistato non è quello giusto per te, puoi restituirci il prodotto entro 30 giorni dalla consegna senza fornire alcuna motivazione. Ti rimborseremo quindi l'intero prezzo di acquisto.

Tutti i prodotti sono conformi alle norme di sicurezza legali: Tutte le nostre attrezzature agricole sono realizzate nel rispetto delle normative vigenti. Tutti i prodotti elettrificabili, come le recinzioni o le reti per il pascolo, sono sicuri per l'uomo e gli animali. Ciò è garantito dal rispetto delle norme di sicurezza legali.

Solo prodotti di noti produttori austriaci o tedeschi: Prodotti di alta qualità, duraturi nel tempo, che consentono negli anni un concreto e tangibile risparmio sui costi di manutenzione